Yaguarundi

 

Descrizione

Lo yaguarondi (Herpailurus yagouaroundi ), noto anche come eyra, è un felide di medie dimensioni diffuso dal Messico al Sudamerica.

Lo yaguarondi ha un aspetto molto caratteristico, con zampe relativamente corte, un corpo snello e coda molto lunga. Presenta una lunghezza testa-corpo di 53-73,5 cm (esclusa la coda di 27,5-59 cm) per un peso di 3,0-7,6 kg nei maschi e di 3,0-7,0 kg nelle femmine. La testa è relativamente piccola, allungata e schiacciata, con un caratteristico profilo smussato, dal «naso aquilino» e orecchie arrotondate, ben distanziate tra loro. Lo yaguarondi è il meno maculato tra tutti i piccoli felidi, con pelliccia corta, liscia, di colore uniforme e quasi priva di segni, fatta eccezione per alcune rare striature e zone chiare sulla faccia e talvolta segni deboli sul lato interno degli arti; anche i dorsi delle orecchie sono privi di macchie. I cuccioli esibiscono a volte delle macchie sul petto o sul ventre, che in genere scompaiono o diventano indistinte con l’età adulta. Lo yaguarondi ha due morfi distinti, in passato considerati specie separate: uno grigio-ferro, di tonalità dall’ardesia chiaro al grigio-nerastro scuro, e uno marrone-rossiccio con toni dal fulvo pallido al mattone intenso, spesso con muso e mento bianchi. Il morfo rossiccio tende a essere più comune in habitat secchi e aperti. Sono segnalati casi di melanismo, ma anche gli esemplari più scuri non sono mai completamente neri e spesso hanno testa e gola distintamente più chiare. Una stessa cucciolata può comprendere individui di entrambi i morfi.

Si distingue da tutti gli altri felidi neotropicali. Per il suo aspetto insolito è spesso paragonato a una martora, una lontra o una donnola, e ricorda superficialmente anche un tayra, un mustelide neotropicale. Gli individui fulvi hanno un colore simile a quello del puma, specie molto più grande.

Distribuzione e habitat

Lo yaguarondi è diffuso dalle pianure orientali e occidentali del Messico settentrionale attraverso tutta l’America centrale e meridionale fino al Brasile sud-orientale e all’Argentina centrale. La presenza in Uruguay è incerta. In passato si trovava anche negli Stati Uniti, nell’estremo sud del Texas, con l’ultima segnalazione relativa a un animale investito su una strada presso San Benito, Texas, nel 1986. Non vi sono prove di una sua presenza storica in Arizona o in Florida, nonostante segnalazioni occasionali. Lo yaguarondi vive principalmente in pianura, in genere fino a 2 000 metri, e occupa la più ampia gamma di habitat tra tutti i piccoli felidi neotropicali. Si trova infatti in tutti i tipi di foresta secca e umida, in savane alberate, savane umide subalpine, paludi, macchia semi-arida, chaparral e praterie dense, ma è stato segnalato persino a 3200 m nella foresta nebulosa colombiana. Lo yaguarondi tollera gli habitat aperti ma evita le aree prive di copertura. Può vivere in zone modificate o recuperate dall’uomo a condizione che offrano ricca copertura e alte densità di roditori, per esempio in pascoli con arbusti, mosaici di vecchi campi e foreste secondarie, e anche piantagioni di eucalipto, pino e palma da olio.

  • ID: 12270
  • Visite: 39
Chiama ora
Acquista Biglietti
Mappa
Facebook
Instagram