Pecora Garfagnina Bianca

 

Descrizione

La Garfagnina bianca è di taglia medio grande, con testa piuttosto pesante, lunga, con profilo rettilineo o convesso, più marcatamente montonino nei maschi. Gran parte delle pecore presentano corna in alto e all’indietro, alcune hanno corna spirale orizzontale, altre ancora sono acorni; i maschi sono provvisti di corna a spirale orizzontale mediamente aperta. Le orecchie sono piccole e a portamento orizzontale, di rado più grandi e pendenti. Il torace è piuttosto stretto e non molto profondo, la groppa è spiovente e stretta. Gli arti sono robusti e ben svilippati in lunghezza. Il vello, a bioccoli conici, è generalmente bianco, ma frequentemente si riconoscono soggetti grigi o marroni. L’estensione del vello è limitata: la testa, gli arti dal ginocchio e dal garretto in giù e quasi tutto il ventre rimangono generalmente scoperti.

Questa razza, caratterizzata dal vello bianco e da corna a balestra, era, un tempo presente con decine di migliaia di esemplari sui pascoli dell’Appennino. Negli anni ottanta si era ridotta a pochi esemplari, tanto da essere inserita nelle razze a patrimonio genetico in via di estinzione. Grazie ad un paziente lavoro di ricerca, in collaborazione con il Ministero per le Politiche Agricole e Forestali ed il Centro di Ovinicoltura di Castel del Monte (AQ), nel 2004 è stato recuperato un primo nucleo di pecore di razza Garfagnina e reintrodotte preso l’azienda di Cerasa.

Ad oggi, con una costante e rigida selezione, che ha visto coinvolti l’Associazione Provinciale Allevatori e le Università di Pisa e Firenze, è stato consolidato un gregge di un centinaio di capi che rappresenta la più grossa realtà esistente per questa razza.

Animale frugale e resistente alle malattie, produce una discreta quantità di latte, leggermente più grasso e profumato che è la base per il formaggio pecorino della Garfagnana, così apprezzato nelle epoche passate in tutta la regione. La carne di agnello viene commercializzata con il marchio “Garfagnina bianca” che ne garantisce la provenienza e il valore alimentare. Anche la lana prodotta viene preparata per la filatura e utilizzata per realizzare capi tradizionali.

  • ID: 14508
  • Visite: 34
Chiama ora
Acquista Biglietti
Mappa
Facebook
Instagram